Linkedin per chi cerca lavoro: consigli per l’uso

linkedin-logoSe stai cercando lavoro è molto probabile che tu abbia creato un account su Linkedin. Ed hai fatto bene perché secondo questa ricerca dell’AIDP anche in Italia quasi il 60% delle aziende lo usano come canale di selezione. Le statistiche poi parlano chiaro: chi trova lavoro, nella maggioranza dei casi lo fa grazie alla propria rete sociale e al passaparola.  Con i suoi 4 milioni di iscritti in Italia Linkedin è il più importante social network professionale ed è una vera miniera di possibilità. Molti però una volta completata l’iscrizione e aggiunti un po’ di contatti si chiedono: “e ora che faccio?”. Se anche tu ti sei trovato in una situazione simile ecco la mia personale lista di consigli per sfruttare le potenzialità di LinkedIn nella tua ricerca di lavoro (altri ottimi suggerimenti li trovi su social-hire).linkedin-keywords

COSTRUISCI BENE IL TUO PROFILO

Valgono le considerazioni che ho fatto per il cv ma ci sono alcune specificità. La foto ha molta più importanza perché la si vede continuamente, quindi sceglila bene (tra l’altro, quando la cambi, il sistema genera una notifica per tutti i contatti. Così, è bene alternarne almeno un paio, sempre ufficiali però). Poi c’è il titolo professionale, uno spazio che ha molta visibilità. Bisogna essere specifici e usare parole separate dal simbolo “|”, perché questi termini nell’algoritmo di ricerca pesano di più degli altri e diventano strategici. Non indicare solo una posizione, o solo l’ultima occupata, ma anche tutte quelle parole che riteniamo essenziali per la nostra professione. Nel mio profilo ad esempio ho scritto Trainer | HR manager | Recruiter | Project Manager | career coach. Infine occhio alle keyword: trova quali sono le parole chiave per il tuo ambito (magari visitando profili di professionisti del settore) e usatele in tutto il profilo e in particolare nel riepilogo, sarete più facilmente trovabili dai motori di ricerca.optimize-linkedin-groups

CURA LA TUA RETE DI CONTATTI

I risultati su Linkedin arrivano quando si scambiano informazioni ed esperienze ma sarebbe sbagliato chiedere il collegamento  a raffica solo per fare numero. Il mio consiglio è di chiedere la connessione solo se si conosce veramente la persona o se si ha avuto modo di frequentarla in qualche modo (anche se hai visto un suo intervento a una conferenza o simili). È importante la qualità della nostra rete e che ci possa essere una qualche forma di scambio. Accompagna sempre la richiesta di connessione con una spiegazione di dove hai conosciuto la persona e perché vorresti aggiungerla ai tuoi contatti (maggiori spiegazioni – in inglese – le trovi qui). Una buona prassi è quella di far diventare le persone che si incontrano a corsi, conferenze o eventi simili dei contatti su Linkedin in modo da mantenere la relazione. Può infine essere un efficace follow-up dopo un colloquio di selezione: torni dal colloquio, cerchi la persona che ti ha fatto l’intervista e le chiedi la connessione su Linkedin. Se hai fatto una buona impressione può anche essere che questa volta non ti propongano il posto ma resterai comunque in contatto e aggiornato.

FAI RICERCHE DI LAVORO

Linkedin permette di fare delle ricerche di lavoro personalizzate ed è un aspetto da sfruttare. C’è anche la possibilità di salvare la ricerca e mettere un alert mail che ti segnala ogni volta che ci sono delle novità su quella specifica ricerca che hai impostato. Non ci sarà quindi bisogno di riprovare periodicamente, fai lavorare Linkedin per te! update-linkedin-profile

RACCOGLI INFORMAZIONI

Ci sono molte informazioni interessanti che puoi andarti a trovare su Linkedin. Puoi seguire le aziende principali del tuo settore e restare aggiornato sulle loro comunicazioni o ricerche di lavoro (basta andare sul profilo aziendale e mettere “follow”). Puoi prepararti ad un colloquio andando a vedere il profilo della persona che ti farà l’intervista (se conosci il nome). Infine potrebbe essere interessante vedere i profili delle persone che hanno molta esperienza nell’ambito o nel ruolo che vorresti ricoprire anche tu e vedere quali percorsi hanno fatto, quali keywords usano o se magari puoi entrare in contatto diretto con qualcuno di loro (visto che Linkedin permette di vedere se tra i tuoi contatti qualcuno conosce quella persona).

PARTECIPA AI GRUPPI

Uno degli aspetti più importanti su Linkedin è restare in movimento, mantenere vivo e attivo il proprio profilo. Iscriversi ai gruppi è un ottimo modo per farlo. Ce ne sono di ogni genere, anche qui scegli quelli più vicini ai tuoi interessi e cerca di partecipare attivamente alle discussioni avviandone di tue e commentando quelle degli altri. Chiaramente devi curare molto la qualità dei tuoi interventi e cercare di essere professionale, mostrare competenza e distinguerti in qualche modo. È qui che costruisci buona parte della tua credibilità in rete (gli americani parlano di “personal brand”) e se fai un buon lavoro aumenterà la qualità della tua rete e quindi le possibilità di trovare lavoro.

CONCLUSIONE

Su Linkedin puoi trovare un sacco di informazioni ma la cosa importante è farsi trovare e la chiave sta in un profilo ben fatto associato ad una rete di contatti significativa e alla quantità e qualità dei tuoi interventi nei gruppi. Non lasciare dormiente il tuo profilo, partecipa, scambia informazioni. Può suonare strano ma se vuoi “ottenere” qualcosa devi cominciare a “dare”.
Funziona così (e non solo su Linkedin).

Post by Max

6 Responses to Linkedin per chi cerca lavoro: consigli per l’uso

  1. Adriana

    Concordo appieno,
    sono stata sempre convinta che non è il lavoro che viene a bussare alla porta di casa propria, ma deve necessariamente essere il contrario.. Credo che nella vita si debba essere dinamici, disposti a muoversi, perchè oggigiorno a noi giovani, contrariamente a quanto avveniva nelle generazioni dei nostri genitori, è richiesto questo.. E dobbiamo rispondere a questa sfida.
    Io sono pronta!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *